Florenzi out e Calabria a rischio: contro il Verona tocca a Kalulu?

Author

Categories

Share

La notizia della giornata che arriva dalla Nazionale, non lascia tranquilli i tifosi rossoneri, infatti Calabria ha avuto un risentimento muscolare, quindi non sarà a disposizione di Mancini per la sfida di domani alle 15 contro il Belgio, che vale il 3° posto in Nations League e rientrerà subito a Milanello per capire l’entità dell’infortunio e cominciare a ristabilirsi.

A questo punto, un giocatore su cui si è puntato negli ultimi giorni di mercato e che sarebbe stato più che utile, è Florenzi, ma anche lui dovrà stare fuori un mese dopo l’operazione subita. Il terzino ex Roma, è stato subito chiamato a gran voce dal popolo rossonero, affinché sbarcasse a Milano, perché vedevano in lui un giocatore molto bravo, disponibile, duttile, italiano (cosa che non accade spesso) e la possibilità di soffiarlo ad una rivale come la Roma che lo riteneva fuori dal progetto, al contrario dei tifosi giallorossi.

Quindi, ricapitolando, con Calabria e Florenzi out, l’indiziato principale nel svolgere il lavoro di terzino destro, è Pierre Kalulu. Il classe 2000 era arrivato due anni fa dalla squadra B del Lione, rifiutando un club del calibro del Bayern Monaco per andare al Milan. Proprio con i rossoneri infatti, ha fatto il suo esordio non solo col Milan, ma tra i professionisti. Come scordarsi quella partita, entrato a partita in corso contro il Parma per Gabbia infortunato, ha fatto coppia con Romagnoli e ha giocato come se fosse un veterano quasi. Non da tutti, se consideriamo il contesto.

Alla guida di Pioli ha fatto molto bene, qualche errore è capitato, come normale che sia per un 20enne, ma ha catturato da subito gli occhi dei tifosi, che hanno visto in lui, come il club, il sostituto sia per il ruolo di terzino che come difensore. Un’altra prova a confermare quanto di buono sta facendo e come sia entrato nella realtà rossonera, è la gara di qualche giornata fa contro la Juve. Pioli ha persino spostato Tomori in fascia viste le mancanze da quel lato, forse perché ha considerato il francese non pronto per un match di quel tipo. La realtà è stata un’altra: col suo ingresso il Milan è tornato a giocare come sapeva e, se non fosse per un autentico miracolo del portiere bianconero, avrebbe regalato 3 punti alla squadra.

Ora arriva il Verona a San Siro, che con Tudor si sta ritrovando e forte del 4-0 allo Spezia non sarà un avversario leggero, anzi. Dopodiché, toccherà al Porto in trasferta, per il 3° turno di Champions League, sfida decisiva per risollevare le sorti del Diavolo nella competizione e infine il Bologna di Mihajlović. Tutte partite di grande importanza, sia per il campionato che per la Champions, grandi occasioni da sfruttare per il talento scuola Lione.

Milan-Venezia: Pierre Kalulu e Mattia Caldara (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan-Venezia: Pierre Kalulu e Mattia Caldara (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Author

Share