HomeFemminileFemminile, Giuliani a Milan TV: "Dobbiamo ricordare da dove siamo partite. Siamo...

Femminile, Giuliani a Milan TV: “Dobbiamo ricordare da dove siamo partite. Siamo una squadra con un enorme potenziale ma non ce ne rendiamo conto”

Intervenuta ai microfoni di Milan Tv, il portiere della squadra Femminile rossonera, Laura Giuliani, ha parlato così della stagione della squadra e degli obiettivi futuri. Ecco le sue dichiarazioni integrali:

Sull’inizio di campionato: “Prima di tutto ci tengo a sottolineare gli aspetti positivi nonostante i risultati non siano arrivati. Se andiamo ad analizzare le partite quello che ci è mancato è la continuità nella prestazione; nei secondi tempi siamo calati molto e dovremo lavorare sulla mentalità e rimanere in partita il più possibile, poi sono sicura che i risultati arriveranno“.

Sulla gara contro la Fiorentina: “Nel primo tempo abbiamo fatto bene chiudendo persino in vantaggio, poi nel secondo tempo si è verificato il solito calo di prestazione. Dovremo partire da noi stessi nel quotidiano come lavorare tutti i giorni, trovare continuità in allenamento e, soprattutto, lavorare sulla testa, che è quella che ci permette di stare in partita qualunque sia il flusso che prende la gara stessa senza andare in down“.

Sulla ricetta per invertire la rotta: “Dobbiamo andare in campo consapevoli che siamo una squadra forte e non sempre lo abbiamo dimostrato. Sono sicura che in questa squadra ci sia un potenziale enorme; per prima cosa dobbiamo rendercene conto noi e poi le prestazioni seguiranno“.

Sul giocare in casa: “Sicuramente ci aiuta stare attorno al nostro pubblico in un ambiente che ci porta sensazioni positive e dove tutte le squadre devono fare fatica. Io sono sempre a disposizione della squadra. Ammetto di essere più contenta quando non faccio parate perché vuol dire che in campo va tutto bene e le mie compagne sanno quello che devono fare; dunque, fare le parate non mi fa stare tranquilla ma sono comunque sempre disponibile nel momento della difficoltà“.

Sul suo percorso: “È iniziato anni fa tra alti e bassi. Sono andata incontro a dei cambiamenti e in questi casi è necessario prendersi dei rischi e ho visto i risultati nel lungo termine. Credo di essere in un buon momento ma non sto facendo nulla di particolare. È semplicemente la continuazione di un percorso iniziato parecchio tempo fa ma che non è ancora finito“.

Sugli obiettivi stagionali: “Tutte le partire sono importanti, anche perché il campionato è breve e le squadre sono forti. Non possiamo permetterci di sbagliare per niente; dobbiamo pensare ad imporre il nostro gioco e a venire sul campo a divertirci, mettendoci entusiasmo e passione, ingredienti che ci hanno fatto iniziare a giocare a calcio. Ricordiamoci da dove siamo partite in modo da ricordare i sogni che facevamo quando eravamo bambine e che siamo così vicine da realizzarli“.

Milan: Laura Giuliani e la seconda maglia per la stagione 2023/24 (Photo via AC Milan)
Milan: Laura Giuliani e la seconda maglia per la stagione 2023/24 (Photo via AC Milan)

Altre notizie

LiveScore seleziona due giocatori del Milan per il Team of the Season: ecco di chi si tratta

Nonostante, quella appena terminata, sia stata vista come una stagione fallimentare (data l'assenza di...

Ancelotti: “All’epoca di Parma avevo un sistema che ho imparato al Milan da Arrigo Sacchi. Il calcio mi piace, ma non è un’ossessione”

La carriera di Carlo Ancelotti si può riassumere con una sola parola: vincente. Nonostante...

Colombo saluta il Monza prima di tornare al Milan: “Termina una stagione che mi ha fatto crescere, grazie a tutta la società e i...

Lorenzo Colombo non verrà riscattato dal Monza e tornerà quindi al Milan, dove poi...

Ultim'ora

LiveScore seleziona due giocatori del Milan per il Team of the Season: ecco di chi si tratta

Nonostante, quella appena terminata, sia stata vista come una stagione fallimentare (data l'assenza di...

Ancelotti: “All’epoca di Parma avevo un sistema che ho imparato al Milan da Arrigo Sacchi. Il calcio mi piace, ma non è un’ossessione”

La carriera di Carlo Ancelotti si può riassumere con una sola parola: vincente. Nonostante...