HomeNewsAncelotti: "All'epoca di Parma avevo un sistema che ho imparato al Milan...

Ancelotti: “All’epoca di Parma avevo un sistema che ho imparato al Milan da Arrigo Sacchi. Il calcio mi piace, ma non è un’ossessione”

La carriera di Carlo Ancelotti si può riassumere con una sola parola: vincente. Nonostante tutto però, all’inizio di un percorso è normale commettere degli errori, dalla quale poi imparare. Seppur possa sembrare strano anche un grande come lui ha commesso degli errori di cui poi si è pentito.

Di questo e di molto altro ha parlato nell’intervista rilasciata ai microfoni di “The Times“, famosa testata inglese. Ecco alcune delle sue dichiarazioni:

Quando ho iniziato non ero così. Avevo un sistema che ho imparato al Milan da Arrigo Sacchi: il 4-4-2. E per questo ho rifiutato Roberto Baggio al Parma, perché lui voleva giocare da numero 10, ma io no. All’epoca era uno dei migliori del mondo e l’ho rifiutato perché volevo giocare con due attaccanti… È stato un errore. Avere una sola identità della propria squadra è un limite. Ad esempio, ricordo quando giocavamo in Champions contro lo Shakhtar Donetsk di Roberto De Zerbi, un’ottima squadra. Quello che stava facendo con i terzini e in diverse posizioni, era davvero buono. Ma ho detto ai miei di non pressarli perché era quello che volevano. Non abbiamo pressato e abbiamo vinto 5-0“.

Conclude poi spiegando il trucco per mantenere la calma: “Più urli, meno ti danno retta. Il punto chiave è la molta passione, ma non sono ossessionato dal mio lavoro. Non lo sono mai stato. Mi sono divertito molto, da giocatore, da allenatore, ma non divento matto. Certo, le due-tre ore prima della partita sono terribili e mi vengono brutti pensieri. Poi quando l’arbitro fischia l’inizio sono calmo, la paura si trasforma in ottimismo, i battiti del cuore scendono da 120 a 90 e qualsiasi cosa succeda mi sento in controllo“.

Carlo Ancelotti - MilanPress, robe dell'altro diavolo
Carlo Ancelotti – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Altre notizie

Ibrahimovic blinda, Theo Hernandez resta vago. Milan, prima il progetto e poi il rinnovo: imprescindibile

Premessa: i giocatori che parlano dal ritiro delle rispettive nazionali del proprio futuro vanno...

Milan, Jovic resta in rossonero: i dettagli sull’accordo. Ecco la nuova scadenza

L'avventura rossonera di Luka Jovic continuerà. L'accordo tra le parti è cosa fatta: il...

Buona la prima con il brivido per l’Italia all’Europeo: Barella e Bastoni rimediano all’errore di Dimarco contro l’Albania

L'Italia di Luciano Spalletti rompe il ghiaccio con una vittoria. L'Europeo degli Azzurri inizia...

Milan, occhi sul giovane Adejenughure. Piace anche a Borussia Dortmund e Manchester United

Il Milan continua a lavorare per migliorare anche il suo settore giovanile ed ora,...

Ultim'ora

Ibrahimovic blinda, Theo Hernandez resta vago. Milan, prima il progetto e poi il rinnovo: imprescindibile

Premessa: i giocatori che parlano dal ritiro delle rispettive nazionali del proprio futuro vanno...

Milan, Jovic resta in rossonero: i dettagli sull’accordo. Ecco la nuova scadenza

L'avventura rossonera di Luka Jovic continuerà. L'accordo tra le parti è cosa fatta: il...

Buona la prima con il brivido per l’Italia all’Europeo: Barella e Bastoni rimediano all’errore di Dimarco contro l’Albania

L'Italia di Luciano Spalletti rompe il ghiaccio con una vittoria. L'Europeo degli Azzurri inizia...