HomeNewsCapello: "Il girone del Milan? Ai rossoneri conviene puntare al terzo posto"

Capello: “Il girone del Milan? Ai rossoneri conviene puntare al terzo posto”

Non è stato certamente il migliore dei sorteggi, quello rossonero. La banda Pioli ha pescato concorrenti scomode, come gli ex campioni d’Europa del Liverpool o i detentori del titolo nella Liga, l’Atletico, senza dimenticare il Porto, che la scorsa stagione ha spedito la Juventus fuori dalla competizione. I rossoneri faranno di tutto per provare a staccare il pass per gli ottavi ma c’è chi, come Fabio Capello, è convinto che il vero obiettivo debba essere un altro.

Queste le dichiarazioni dell’ex tecnico di Milan e Juventus a Tuttosport: “Il girone dei rossoneri in Champions League? Conviene puntare direttamente al terzo posto per spostarsi in Europa League“.

Milan: Stefano Pioli - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Stefano Pioli – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Altre notizie

Contatti tra Milan e Roma per Tammy Abraham: l’inglese vuole i rossoneri, si tratta

Sembra che il Milan abbia trovato l'attaccante che completerà il proprio roster offensivo. Confermato...

Milan, il Soccer Champions Tour sarà visibile su DAZN: i dettagli

Il Milan anche questa estate si confronterà con Manchester City, Real Madrid e Barcellona...

Da giocatore a dirigente è cambiato poco: Ibra sempre in mezzo alle critiche. Ma è proprio così che riesce a dare il meglio…

La mancanza di una comunicazione chiara ma quanto mai necessaria è stata, per tutta...

Malagò: “Emendamento Mulè? Vedremo quali saranno le ricadute di tutto questo. Quando succede una cosa del genere…”

Il presidente del Coni Giovanni Malagò, ha parlato della lettera scritta da Uefa e...

Ultim'ora

Contatti tra Milan e Roma per Tammy Abraham: l’inglese vuole i rossoneri, si tratta

Sembra che il Milan abbia trovato l'attaccante che completerà il proprio roster offensivo. Confermato...

Milan, il Soccer Champions Tour sarà visibile su DAZN: i dettagli

Il Milan anche questa estate si confronterà con Manchester City, Real Madrid e Barcellona...

Da giocatore a dirigente è cambiato poco: Ibra sempre in mezzo alle critiche. Ma è proprio così che riesce a dare il meglio…

La mancanza di una comunicazione chiara ma quanto mai necessaria è stata, per tutta...