HomeNewsAmbrosini: "Reijnders play aggressivo, Loftus-Cheek e Pulisic per rilanciarsi. Sarà un Milan...

Ambrosini: “Reijnders play aggressivo, Loftus-Cheek e Pulisic per rilanciarsi. Sarà un Milan più europeo”

L’ex centrocampista e capitano del Milan, ora opinionista in TV, Massimo Ambrosini ha parlato in un’intervista alla Gazzetta dello Sport su quello che sarà il Milan della prossima stagione con uno sguardo al mercato.

Ho l’impressione – ha detto – che Pioli quest’anno cercherà di sfruttare molto di più il centrocampo a tre. Lo faceva anche nell’ultima stagione, ma in corsa, con la squadra in movimento. Ora sarà diverso. I nuovi profili vanno in questa direzione: Pioli lavora a un calcio dinamico, verticale, con centrocampisti in grado di coprire più metri di campo. Poi toccherà a Leao fare la differenza: deve dimostrare di meritare il posto da star che il Milan gli ha riservato“.

L’addio di Tonali è stato uno shock non solo perché il Milan ha perso un grande giocatore, ma perché ha perso l’anima. Paradossalmente, se dal punto di vista tecnico la perdita di Tonali può essere colmata, ritrovare quel qualcosa di speciale che portava in campo sarà molto più complicato. Chi è rimasto, penso a Theo, Tomori, Maignan, dovrà dividersi un pezzettino del cuore che metteva Sandro. Senza Maldini, poi, il Milan ha perso parte dell’anima anche fuori dal campo: per Pioli aumenteranno le responsabilità, dovrà gestire più ruoli tutti insieme. Non sarà facile“.

Loftus-Cheek ha una fisicità importante e può fare tutto: mezzala, mediano nel 4-2-3-1, trequartista… Storicamente agli inglesi serve tempo per ambientarsi: dovrà acquisire presto le competenze tattiche che Pioli richiede. Reijnders sarà il perno centrale. Non è un play classico, alla Jorginho. È dinamico, aggressivo, come il Milan: i rossoneri andranno ancora di più addosso agli avversari. Reijnders può portare gol, importantissimo. Al Milan mancano i gol dal centrocampo: il gap con Napoli in A e Inter in Champions passava anche da qui. A proposito, suggerisco un nome per il reparto, Zielinski. Fa la mezzala, incute timore alla difese e… segna“.

Tijjani Reijnders - MilanPress, robe dell'altro diavolo
Tijjani Reijnders – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Pulisic – conclude Ambrosini – lo immagino largo a destra. Al Dortmund veniva dentro e trovava la porta. Il Milan ricorda quel contesto: squadra propositiva, coraggiosa e un po’ incosciente. Pulisic e Loftus-Cheek arrivano in un momento di carriera simile: cambiano per rilanciarsi. Possono riuscirci. Dal mercato manca un altro centrocampista, un 9 e un esterno di attacco. In mezzo mi piace Dominguez: ha personalità ed è portato per il calcio di Pioli. Per il centravanti dico Taremi, lavora molti palloni, attira i centrali e apre spazi in area: sarebbe una buona spalla per Leao. Chukwueze dà elettricità. Che Milan mi aspetto? In questi anni lassù c’è stata alternanza, e il Milan è una di quelle che hanno vinto: non può non partire per riprovarci. Finora si è mosso in maniera interessante. E se prende il centravanti giusto da affiancare a Giroud…“.

Altre notizie

MP Var Room – Lazio-Milan, gli episodi arbitrali visti dal regolamento

Termina 0-1 la sfida dello stadio Olimpico tra Lazio e Milan valida per la...

Tutto bene quel che finisce bene: Romero ha lasciato l’ospedale e sta bene

Dopo la grande paura, la grande notizia: Luka Romero sta bene e ha già...

Capello: “Ibra vivrà grandi responsabilità ora, dovrà far sentire la sua voce in tutte le aree. Ho un solo dubbio però…”

Fabio Capello, ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport. L'argomento di discussione è...

Milan in mezzo alla tempesta? Tutti sull’arca di Noah. E ora la zona Champions League si solidifica ancor di più

Non era facile, soprattutto dopo i nuvoloni di tempesta fatti arrivare da Cardinale. Ma...

Ultim'ora

MP Var Room – Lazio-Milan, gli episodi arbitrali visti dal regolamento

Termina 0-1 la sfida dello stadio Olimpico tra Lazio e Milan valida per la...

Tutto bene quel che finisce bene: Romero ha lasciato l’ospedale e sta bene

Dopo la grande paura, la grande notizia: Luka Romero sta bene e ha già...

Capello: “Ibra vivrà grandi responsabilità ora, dovrà far sentire la sua voce in tutte le aree. Ho un solo dubbio però…”

Fabio Capello, ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport. L'argomento di discussione è...