HomeNewsAmbrosini: "Il Milan può vincere l'Europa League. Pioli? Si vedono cose preoccupanti,...

Ambrosini: “Il Milan può vincere l’Europa League. Pioli? Si vedono cose preoccupanti, ma non si è ancora arrivati al punto di rottura”

Massimo Ambrosini ha rilasciato una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport in cui ha parlato del momento del Milan tra Pioli, Ibrahimovic e infortuni. Di seguito le parole di Ambrosini:

Su come si potrebbe definire questo Milan: “E’ una squadra che non ha continuità. Ha un’idea di calcio abbastanza precisa, ma che raramente è riuscita a metterla in pratica, appunto, con continuità. Evidentemente ha dei valori che fanno fatica a emergere. Trovare una definizione non è semplice: il Milan potrebbe essere definito un animale strano… E’ difficile decifrarlo. Diciamo che la partita vera di questa stagione il Milan l’ha fatta in Champions col Psg”.

Se intorno al Milan si respira troppa negatività: “Sì, l’ho notato anch’io. A me stupisce, sono sempre stato abituato ad avere a che fare con tifosi che ragionavano in un certo modo. Quindi fa effetto vedere quanto la gente si sia disaffezionata. Certo, si sa, nel calcio il credito portato dalle vittorie non è illimitato, però tutto sommato anche la scorsa stagione è stato fatto un cammino in un certo modo e di un certo livello. Lo stupore è su come dopo lo scudetto tutto l’ambiente abbia gestito le difficoltà”.

Su Pioli: “Classifica alla mano il Milan è in linea con quello che è l’obiettivo minimo. Sull’allenatore non penso siamo arrivati al punto di non ritorno, di rottura. Certo, è preoccupante vedere come la squadra cada con questa continuità. A questo va aggiunta l’aspettativa di una proprietà che ha speso tanto sul mercato”.

Se il progetto Ibra 3.0 è promosso a priori: “Per ora ovviamente non è giudicabile. Ma ragionando da ex calciatore, posso dire di aver sempre avvertito la necessità che ci fossero elementi a cui aggrapparsi nella società nei momenti difficili. Vedevo Maldini e Massari come ganci a cui i ragazzi potevano aggrapparsi. Mi pare comunque che a Zlatan non sia stato affidato un semplice ruolo da trait d’union, ma con la proprietà vada ben oltre”.

Se quindi Zlatan sostituisce Maldini e Massara: “Sì, anche perché all’allenatore sono stati consegnati compiti che il club dà per scontati, che però per il tecnico sono aspetti in più. Ma in realtà il vero punto è un altro”.

Su qual è il vero punto: “Anche i calciatori devono assumersi le responsabilità. E’ abbastanza chiaro che di base il problema è motivazionale, e le motivazioni devono darle allenatore, ambiente e società, però anche i calciatori devono fare di più e devono farlo meglio. Con più animo, con più convinzione e con più continuità. Devono ri-alimentare, ri-alimentarsi. Anche forzandosi, se è il caso, per il bene del gruppo”.

Sul tema infortuni: “Beh, vorrei ricordare che MilanLab nacque per quello, per avere uno strumento in grado di fornire prevenzione. Ma ora come ora è impossibile dare spiegazioni per chi non vive tutti i giorni a Milanello. Certo, c’è qualcosa che evidentemente non funziona e che merita delle riflessioni”.

Sulle urgenze tattiche maggiori: “Intanto iniziamo col dire che se Bennacer sta bene hai sistemato il problema in mezzo al campo, davanti alla difesa. Il problema è che Bennacer andrà in Coppa d’Africa quindi io un centrale di centrocampo lo prenderei. Anche perché Reijnders ha caratteristiche diverse, rende bene quando ha campo davanti e può inserirsi. In attacco Jovic ha dato qualche cenno di risveglio, ma un attaccante da affiancare a Giroud ci starebbe. A Olivier cosa vuoi chiedere di più, tra l’altro molto dell’anima che il Milan ha perso con l’addio di Tonali ce la mette in campo Giroud. Giocatore di grande spessore agonistico e caratteriale, un esempio da cui dovrebbero attingere molti giocatori”.

Se Adli in mediana non lo convince: “E’ un buon giocatore, che però non sposta così tanto. Tra l’altro in quel ruolo è stato un po’ riadattato, in Francia agiva un po’ più avanzato”.

Sui profili arrivati a centrocampo in estate, molto interessanti: “E’ vero, ma c’è chi però deve alzare l’asticella, come Loftus-Cheek. Deve farlo perché uno col suo fisico e con le sue qualità non può farle vedere così poco. In un calcio di transizione come quello del Milan, e in una squadra dove non arrivano così tanti gol dal reparto offensivo, i centrocampisti devono alzare il livello. Il Milan gioca con delle ali a cui piace dribblare, e allora poi l’area in qualche modo va riempita”.

Su chi ha avuto l’impatto migliore dei nuovi acquisti: “Reijnders, per continuità”.

Se il Milan può vincere l’Europa League: “Certo, il Milan può arrivare fino in fondo. Assolutamente sì”.

Massimo Ambrosini - MilanPress, robe dell'altro diavolo
Massimo Ambrosini – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Altre notizie

Verso Milan-Inter, Inzaghi in conferenza: “Domani potrebbe essere una giornata importante per la famiglia Inter. Lautaro? Sta bene, non sono preoccupato”

Simone Inzaghi ha parlato nella conferenza stampa alla vigilia del Derby della Madonnina. La...

Femminile, il Milan vince la quarta di fila: 1-3 alla Sampdoria, grande doppietta di Ijeh

Sampdoria-Milan sono scese in campo oggi alle 12.30 in occasione della quinta giornata della...

MP RELIVE – Verso Milan-Inter: rivivi con noi la conferenza stampa di Pioli alla vigilia del match

L'ultimo derby della Madonnina? Tutto lascia presagire che sia così per Stefano Pioli, pronto...

Ultim'ora

Verso Milan-Inter, Inzaghi in conferenza: “Domani potrebbe essere una giornata importante per la famiglia Inter. Lautaro? Sta bene, non sono preoccupato”

Simone Inzaghi ha parlato nella conferenza stampa alla vigilia del Derby della Madonnina. La...

Femminile, il Milan vince la quarta di fila: 1-3 alla Sampdoria, grande doppietta di Ijeh

Sampdoria-Milan sono scese in campo oggi alle 12.30 in occasione della quinta giornata della...